1° CONVEGNO DI MEDICINA INTEGRATA INFORMAZIONALE:

 “La Scienza Di Frontiera A Supporto Della Qualità Della Vita!”

Abstract Dell’intervento

LA BIOCOMUNICAZIONE ELETTROMAGNETICA MODULA LE CAPACITÀ DI AUTORIPARAZIONE E LE ATTIVITÀ FUNZIONALI FISIOLOGICHE

Le sfide della vita odierna dimostrano l’interconnessione globale di diversi eventi e processi a qualsiasi livello della vita sociale e personale, compreso lo sviluppo spirituale.
Oggi la scienza e la medicina convenzionale occidentale sono obbligate a notare le forti caratteristiche degli antichi approcci alla guarigione, inclusi i fondamenti della medicina tradizionale cinese (MTC) e le relative modalità di applicazione.
Già nel 1842, il tedesco Samuel Hahnemann ha coniato il termine di “allopatia” per designare la pratica abituale della medicina (allopatia) in contrapposizione all’omeopatia.
Secondo Hahnemann, per allopatia si intende un sistema di pratica medica che utilizza rimedi che producono effetti diversi da quelli prodotti dalla malattia in cura (allos che significa opposto e patia che significa malattia), e omeopatia significa un sistema di pratica medica che utilizza rimedi (in dosi minime) che producono effetti simili a quelli prodotti dalla malattia in cura (similia similibus curantur significa i simili si curino con i simili).
Fondamentalmente, l’allopatia ha lo scopo di sopprimere ed eliminare i fattori negativi, mentre l’omeopatia supporta e migliora i processi di regolazione interna (cioè l’approccio biocibernetico precoce). 
Nel frattempo, la scienza naturale che per anni si è occupata nel produrre una visione ancora più profonda dei più piccoli elementi della somma delle cose, è giunta allo sviluppo dell’approccio sinergico (I. Prigogin e H. Haken ecc.). sulla base di ipotesi di instabilità, non lineari. La prima teoria per la medicina complementare (olistica) fu sviluppata da Alfred Pischinger (alla fine degli anni 1970) e successivamente da Hartmut Heine e dai suoi colleghi sulla base delle nozioni di matrice extracellulare (ECM) e regolazione di base o basale. Nel 1953, Pischinger fu il primo a  postulare l’esistenza di un sistema di regolazione basale (o sistema di controllo principale) all’interno del tessuto connettivo. Il suo lavoro è stato successivamente esteso per formare il sistema di regolazione basale di Pischinger noto anche come regolazione Matrix o regolazione Mesenchyme. La matrice extracellulare è considerata la parte del nostro corpo che per prima si adatta ad ogni cambiamento nell’ambiente, sia esso un cambiamento di temperatura, nutrizione, infezione, tossicità, stato mentale o obiettivo spirituale. L’ordine dinamico del Matrix è supportato dal continuo scambio di energia e informazioni. Le molecole d’acqua legate agli ingredienti della matrice svolgono un ruolo di formazione della struttura e possono essere sia immagazzinati che inviati tramite un trasmettitore di informazioni ed energia all’interno dei sistemi biologici.
Pertanto, è stato dimostrato che lo stato di salute dovrebbe essere descritto in termini di “omeodinamica” piuttosto che in termini di omeostasi: mentre, secondo la visione omeostatica  convenzionale, i sistemi biologici supportano la loro stabilità interna nonostante le diverse perturbazioni. L’approccio dell’omeodinamica vede le entità biologiche come sistemi dinamici che mostrano la loro capacità di auto-organizzarsi nei punti in cui perdono la loro stabilità (i cosiddetti “punti biforcazionali”, cioè in quei punti in cui un sistema può passare tra diverse scelte di comportamento).
Nel frattempo, la scienza naturale ha condotto un’ampia ricerca sui possibili meccanismi di scambio di informazioni e di energia nei sistemi biologici che supportano la loro auto-organizzazione dinamica. Il corpo umano emette un ampio spettro di oscillazioni elettromagnetiche imputabili, ed effettivamente responsabili, a diversi processi biochimici e fisiologici. Oscillazioni elettromagnetiche estremamente deboli degli organismi viventi sono state coinvolte nello sviluppo della nozione di campo morfogenetico di A. Gurwitsch e nella progettazione dei primi dispositivi europei per il trattamento dei pazienti utilizzando sottili interazioni elettromagnetiche, come quelli di W. Reich e G. Lakhovsky, nel primo metà del XX secolo.

Qualsiasi sistema vivente, da un intero organismo fino a una singola cellula, contiene particelle cariche (ioni), o molecole polari, e radicali funzionali alle molecole. Un flusso di tali particelle cariche all’interno di un sistema vivente a causa della diffusione di ioni o cambiamenti conformazionali di molecole polari provoca un campo elettromagnetico oscillante endogeno (cioè generato dal sistema vivente stesso) di intensità estremamente bassa. I processi biochimici di base (per es., Ciclo dell’acido tri-carbonico o ciclo respiratorio ecc.), includono reazioni di trasferimento di elettroni associate  all’emissione di fotoni (secondo la descrizione della meccanica quantistica, una transizione di un elettrone da un livello di energia superiore a un livello di energia inferiore si verifica con un’emissione di un quanto di luce – un fotone).


Relatore

Gabor Lednyiczky is an Expert in Clinical Biocibernetics.

My objective is to research and educate the scientific, clinical and public communities related to the biophysical approach in biology and medicine; to develop applications in bio-regulation therapy and other functional treatments.

Oltre 10 anni d'esperienza nella Medicina Integrata Informazionale raccolti in I.B.I.

VAI
Translate »